Scontro al calor bianco a L’Aria che Tira (La7) tra la deputata Pd, Alessia Morani, e il direttore dell’Espresso, Tommaso Cerno. A innescare la miccia sono le parole della parlamentare dem: “Dal 5 dicembre questo Paese ha fatto una scelta che non era quella che avevamo proposto noi: un sistema istituzionale semplificato e una legge elettorale che garantiva la governabilità attraverso il ballottaggio”. “Non è vero” – insorge Cerno – “è la Consulta che ha bocciato la legge elettorale, non il Paese. Il Paese si è espresso sulla riforma costituzionale. La legge elettorale che ha proposto il Pd è stata definita non costituzionale dalla Consulta, che ne ha tolto l’elemento più importante. Era una legge fatta male, Morani. Perché dobbiamo dire mezze verità a un Paese che è già convinto che gli diciamo mezze verità? Dopo diventiamo dei bugiardi e non ci crede più nessuno. Non possiamo dire questa cosa. E’ una bugia!”. Morani ribatte: “La Consulta ha bocciato la legge elettorale perché non era possibile tenerla per due Camere“. “Non è vero” – mormora il deputato di Articolo 1, Nico Stumpo – “non c’è scritto questo“. “Dopo il referendum” – ribadisce la deputata Pd -“è normale che la Consulta abbia bocciato quella legge perché applicabile a una sola Camera”. “Ma quindi lei ha letto le motivazioni?” – chiede Cerno – “E dove le ha lette? Io non so dove trovarle, mi dice dove le ha lette?”. Morani non risponde e continua il suo intervento (le motivazioni sono online sul sito della Corte Costituzionale, cliccando su questo link e inserendo la parola Italicum nel campo ‘Testo’). Il direttore dell’Espresso poi ammonisce: “Fortunatamente non faccio politica e quindi non mi interessa interessa minimamente chi ha ragione e chi ha torto fra voi che siete seduti lì. Il Paese crede che gli raccontiamo una marea di balle, anzi ‘balle’ è una brutta e parola bisogna dire ‘fake news’. Mi interessa dire che sia qualcosa di ragionevolmente vero. Lei dice una cosa vera quando afferma che il Paese e il Pd avevano fatto una proposta complessiva di cambiamento. Ma dentro questa proposta complessiva c’erano delle sgrammaticature costituzionali. E un organismo di garanzia previsto da questa Repubblica, da quando abbiamo fatto la Costituzione e abbiamo sconfitto il fascismo, ha detto con chiarezza che così come era scritta quella legge non poteva esistere”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotdiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Voucher, Migliore vs De Palma (Cgil): “Siete a favore del lavoro nero”. “Sei solitario e triste”

next
Articolo Successivo

Luca e Paolo e l’addio di Totti: “Ha confessato che adesso ha paura del futuro. La stessa cosa che Di Maio dice del congiuntivo”

next