“Noi non facciamo alleanze, né prima né dopo le urne. Siamo pronti al voto, ma sulla data decide il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella“. Al termine dell’incontro flash con il Pd sulla legge elettorale, il capogruppo M5s Roberto Fico ha spiegato come nel corso della riunione i pentastellati abbiano “presentato la proposta con l’impianto tedesco“. Ovvero, quella votata dagli iscritti M5s nel blog di Beppe Grillo. “Non credo che sia impossibile ottenere una maggioranza con questa legge”, ha aggiunto Fico. Per poi rivendicare: “Noi abbiamo portato ciò che è uscito dal voto sul blog e da lì non ci muoviamo. Dopo 10 anni in cui i partiti hanno votato il Porcellum incostituzionale, poi l’Italicum incostituzionale, lasciandoci senza una legge elettorale noi cerchiamo di lavorare con responsabilità per questo obiettivo”. Anche gli ex dem di Mdp-Articolo Uno, con la capogruppo al Senato Cecilia Guerra, hanno aperto al tedesco: “Ma si deve prima di tutto chiarire che cosa si intenda, perché sembra che ciascun partito intenda il sistema alla tedesca in un modo diverso dall’altro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum per l’autonomia della Lombardia, Maroni firma: voto il 22 ottobre. M5s e Pd: “Solita propaganda”

prev
Articolo Successivo

Strage Bologna, saltano i risarcimenti. Bolognesi (Pd): “Anniversario? Chiunque venga del governo è sgradito. Presa in giro infinita”

next