La notizia del sequestro di polizze vita per un milione a Gianfranco Fini, considerato dagli inquirenti l’ideatore dell’acquisto della casa di Montecarlo, provoca reazioni anche senza freni da parte di chi ha condiviso con lo storico segretario di Alleanza Nazionale un percorso, fino alla rottura con Berlusconi e con tutti i “colonnelli”. Su tutti l’ex presidente della Regione Lazio Francesco Storace, che su facebook scrive: “Se l’induzione al suicidio non fosse reato, suggerirei a Fini di spararsi. Diceva di essere un coglione. Forse qualcosa di peggio”. Il riferimento di quest’ultima frase è all’intervista concessa dall’ex presidente della Camera a Marco Lillo, nella quale, appunto, “sono stato un coglione. Corrotto mai” (audio).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Legge elettorale, Brunetta: “Tedesco non piace ai partitini? Si aggreghino”

next
Articolo Successivo

Direttori dei musei bocciati dal Tar: caro ministro, impara a fare o a farti fare le leggi

next