“Vi assicuro che non è bello vivere col senso di colpa di essere sopravvissuto: anch’io ho sfiorato qualche attentato, che per fortuna non è riuscito”. Lo ha detto il presidente del Senato, Pietro Grasso, nel corso della presentazione in una libreria romana del suo ultimo volume ‘Storie di sangue, amici e fantasmi‘, assieme a Roberto Saviano e Lirio Abbate. Un libro pubblicato nel 25esimo anniversario della strage di Capaci. “Questo libro è dedicato a chi è nato dopo il ’92, magari figlio di chi non è in grado di raccontare quella storia. Ma è necessario – conclude – conoscere per evitare che si ripeta. Il sangue è quello dei tanti amici. In una storia fatta di troppi fantasmi: come quello di Bernardo Provenzano e di tutti coloro che hanno aiutato la sua latitanza durata 43 anni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘FalconeeBorsellino’, in Rai nessun cenno alla verità occultata e depistata

next
Articolo Successivo

Mafia, chiesta archiviazione per le minacce di Riina a don Ciotti. Libera: “Erano messaggi fuori dal carcere”

next