Unit 4, il platform sviluppato dalla padovana Gamera Interactive, segue le azioni di un’unità speciale formata da 4 eroi che, in seguito ad un attacco al proprio mondo da parte di un esercito di predoni alieni, sono partiti per un inseguimento interplanetario nel tentativo di scoprire il mistero che si cela dietro il furto di alcuni importanti artefatti del proprio popolo.

Il titolo, nello stile dei più classici dei platform, richiederà ai giocatori di affrontare dei livelli – ambientati in biomi diversi in base al pianeta visitato – man mano più complessi, utilizzando le giuste acrobazie per passare da una piattaforma alla successiva superando anche i nemici e le trappole sul percorso, tra cui è possibile trovare semplici spuntoni, missili e laser, raccogliendo nel mentre le monete poste in giro. Nelle situazioni più complesse vengono in soccorso dei player le abilità dei singoli eroi double jump/wall climbing per Blu, carica per Red, volo fantasma per Yellow ed il rampino/arpione per Green – che, in single player, possono anche essere utilizzate in combo grazie alla possibilità di passare rapidamente da un eroe all’altro, utilizzando quello più adatto alla situazione; nella modalità multigiocatore (cooperativa locale) i giocatori dovranno prendere il controllo di un eroe ciascuno e collaborare per completare i vari livelli.

Abbiamo avuto modo di provare il gioco in anteprima (su XBox One) ed il responso è molto positivo: l’opera di Gamera rende il giusto onore ai grandi  platform del passato a partire dalla grafica in pixel art ben realizzata per arrivare alle ottime colonne sonore che ben si adattano ai vari livelli, ma è il gameplay il vero punto d’eccellenza.

Unit 4 non punta ad essere un gioco semplice su cui rilassarvi – se il vostro ideale di platform è Super Mario Runlasciate fuori ogni speranza o voi che giocate” – sfidandovi invece con le sue caratteristiche hardcore a superare di volta in volta i vostri limiti, anche di pazienza, grazie ad una buona difficoltà dei livelli (non lasciatevi illudere dai primi due) e dei boss fight, obbligandovi  ad affinare le vostre capacità con tutti e quattro gli eroi (ognuno può presentare dei particolari punti di forza in base alla situazione); a rendere il tutto più difficile è l’assenza di meccanismi salvavita (come ad esempio la perdita degli anelli su Sonic o i funghi di Super Mario), basta infatti essere colpiti da un nemico o incappare in una trappola per trovarsi sconfitti, rendendo dunque le postazioni di “salvataggio” (posizionate strategicamente prima o dopo punti particolarmente difficili) l’unica ancora di salvezza che evita il dover ricominciare il livello da capo.


A completare Unit 4 è la presenza di alcuni minigiochi di corsa (motorini, astronave e sottomarino) particolarmente indicati per sfidarsi tra amici, la possibilità di customizzare i propri eroi con varie skin (nella gallery potete vederne alcune ispirate a Dragon Ball) e di acquistare arredi per la loro navicella/base, acquistabili tramite le monetine raccolte in giro per i livelli.

 

Se siete pronti ad affrontare la sfida e non arrendervi difronte alle prime difficoltà, Unit 4 è disponibile da oggi in digital download sullo store XBox One, per gli utenti della console Microsoft, e su Steam, per gli utenti PC, al prezzo di 14,99€

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Gamera Interactive Padova: in attesa di Unit4 intervista al fondatore Alberto Belli

prev
Articolo Successivo

Smartphone e sicurezza, gli hacker dribblano il riconoscimento dell’iride

next