Niente velo per Melania e Ivanka Trump. La first lady e la first daughter hanno infatti deciso di non adeguarsi alle imposizioni locali sull’abbigliamento femminile durante la visita di Stato del presidente americano in Arabia Saudita. Scendendo dall’Air Force One all’aeroporto internazionale Re Khaled di Riad, il tycoon è stato accolto da Re Salman, che ha stretto la mano alla coppia presidenziale. Melania, con il capo scoperto, indossava un completo nero con ampio pantalone e camicia a maniche lunghe, stretto in vita da un’alta cintura color oro. Nella delegazione anche Ivanka, la figlia del presidente Trump, a sua volta a capo scoperto.

Due giorni fa, nel corso della conferenza stampa di presentazione della visita di Donald Trump a Riad, un giornalista aveva chiesto se il Regno intendesse imporre un certo tipo di abbigliamento a Melania Trump. “Quando qualcuno arriva in visita ufficiale – aveva risposto il ministro degli Esteri saudita Adel al-Jubeir – noi non consegniamo loro una lista degli abbigliamenti ammessi nel Paese, ma li accogliamo come si presentano”.

Sebbene non esista in Arabia Saudita una legge che imponga alle donne straniere di adeguarsi alle rigide regole di abbigliamento locali, la consuetudine di coprirsi il capo viene generalmente rispettata. Non sempre, però, e infatti Melania e Ivanka non sono le uniche ad aver ignorato il protocollo saudita: l’ex first lady Usa Michelle Obama, in vista nel regno saudita insieme al marito nel 2015 per i funerali di re Abdullah, evitò accuratamente di indossare veli sulla testa. Lo stesso, nel medesimo viaggio, fece l’ex segretario di Stato Usa, Condoleezza Rice. E, più recentemente, anche la premier britannica Theresa May si è presentata in Arabia Saudita a capo scoperto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuba, l’economia tenta di riconvertirsi. Ma ancora a bordo dei calesse

prev
Articolo Successivo

Russiagate, l’inchiesta tv su Trump: legami con la mafia di Mosca e affari col “re dei diamanti” amico di Putin

next