Gli scavi di Pompei non conoscono pace. Una borchia in bronzo risalente al VI secolo A.C. esposta nella mostra Pompei e i Greci all’interno della cosiddetta Palestra Grande, è stata rubata. La borchia, ornamento per porte, era infissa su un pannello di legno e coperta solo davanti da un pannello di plexiglass. Il furto si sarebbe verificato durante l’orario di apertura al pubblico. Indagano i carabinieri del Nucleo investigativo di Torre Annunziata (Napoli).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, il M5s vara regolamento per gli ambulanti:”Giusto compromesso tra decoro e lavoro”. “Vince conservazione”

next
Articolo Successivo

G7 Taormina, stop ad attracco navi di soccorso a migranti. Ong in allerta, il Viminale rassicura: “Rischio calcolato”

next