Aldo Cosimo e Adolfo Crea, ritenuti dalla Dda di Torino i capi della ‘ndrangheta in Piemonte, sono stati condannati a 14 anni e 10 mesi e 10 anni e 4 mesi di carcere. La sentenza chiude il processo Big Bang, sulle infiltrazioni della criminalità organizzata calabrese. Tra i 26 imputati, tutti condannati, anche Luigi Crea, figlio di Adolfo, l’ultimo erede dalla famiglia, che, secondo l’accusa, aveva gestito gli interessi del clan durante la detenzione del padre per la condanna del processo Minotauro. Luigi dovrà scontare 9 anni e 6 mesi di carcere.

Il pm Paolo Toso aveva chiesto 20 anni di reclusione per Aldo Cosimo e 14 anni per Adolfo. Entrambi originari di Stilo, nella Locride, secondo gli inquirenti sono affiliati alla malavita calabrese almeno dal 2003 e sono considerati tra i capi dell’ala violenta della ‘ndrangheta nel capoluogo piemontese. La banda guidata dai Crea si dedicava all’usura e alle estorsioni, scegliendo come bersagli piccoli commercianti, artigiani e persone ai margini della legalità. Molte delle vittime avevano rinunciato a testimoniare, dimostrando l’influenza e la capacità di intimidazione mafiosa del gruppo criminale. A una di loro era stata inviata una testa di maiale, abbandonata davanti alla porta di casa, nel Chierese (Torino), perché ritardava nel pagamento del pizzo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Ndrangheta, arrestato Rocco Barbaro. “E’ il referente dei clan in Lombardia”

next
Articolo Successivo

Inchiesta Security, altri sette arresti: false fatture ed evasione fiscale. Contestata l’aggravante mafiosa

next