L’attacco hacker globale delle scorse ore ha colpito anche il mondo dell’auto: “Wannacry”, il malware che ha infettato i sistemi di 100mila organizzazioni in 150 Paesi in tutto il mondo – fra cui il sistema sanitario inglese, il ministero degli interni russo, le ferrovie tedesche e la FedEx – ha causato problemi pure all’alleanza Renault-Nissan, che ha dovuto fermare per qualche ora la produzione in alcuni impianti europei, hackerati dallo scorso venerdì sera.

Fra i siti industriali colpiti c’è quello di Sandouville, nel nord della Francia, dove Renault produce il veicolo commerciale Trafic: marginali le conseguenze, visto che non erano previsti turni lavorativi nel weekend. Più importante l’arresto “preventivo” della fabbrica di Novo Mesto, in Slovenia, dove sono assemblate Twingo e Clio: “Abbiamo agito per fermare il virus e proteggere il gruppo”, ha dichiarato un portavoce ad Automotive News.

Problemi anche a Sunderland (UK), dove sono costruite le Nissan Juke e Qashqai: l’impianto è stato attaccato ma non è ancora chiaro se questo abbia causato problemi alle linee di montaggio. Stamane Renault ha specificato che il 90% delle sue fabbriche hanno ripreso a lavorare normalmente.

Nel frattempo la procura di Parigi ha aperto un’indagine contro ignoti per scoprire chi, oltre a Renault, è stato danneggiato dal malware. Quest’ultimo non ha colpito i transalpini di PSA, gruppo proprietario dei marchi Peugeot, Citroen e DS. La polizia europea ha definito quello con Wannacry un “attacco senza precedenti” e, secondo la BBC, un altro di simili propozioni potrebbe essere lanciato nelle prossime ore.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Hummer H1, il grande ritorno. Rinasce negli Usa col nome di Humvee C-Series

next
Articolo Successivo

Patenti, rivoluzione in Oregon. Non solo maschi e femmine, arriva il terzo genere

next