Per la nomina di Alessandro Profumo come amministratore delegato di Finmeccanica-Leonardo il M5s ha presentato una mozione di sfiducia al ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan. “Padoan non avrebbe potuto, per le regole, per le direttive che c’erano, designare Profumo come ad Finmeccanica”, ha spiegato il capogruppo alla Camera Roberto Fico. E continua: “Allora cosa fa, cambia la direttiva e leva i requisiti di onorabilità. Non era una persona onorabile, è sotto inchiesta e con rinvii a giudizio per capi di imputazione gravissimi, non è possibile che possa diventare ad di un asset strategico per il nostro paese. Azione colpevole: il ministro deve andare a casa”. La mozione sarà presentata sia alla Camera che al Senato. Ma è chiaro che soltanto a Palazzo Madama, dove i numeri della maggioranza sono risicati, la mozione potrebbe mettere in difficoltà il governo e il ministro. “Perché non l’abbiamo presentata solo al Senato? Presentarla in tutti e due i rami del Parlamento rende la mozione più forte, perché condivisa da tutti e due i gruppi. Certo, spingeremo per una calendarizzazione al Senato dove ci sono oggettivamente possibilità maggiori che la mozione vada in porto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

L’emergenza sicurezza spiegata al ministro Minniti

prev
Articolo Successivo

Vaccini, Gentiloni: “Decreto in cdm già la prossima settimana”. Ma restano i dubbi su eventuali nuovi obblighi

next