“Oggi ciascuno di noi ha un potere enorme: aderire a una tesi o a un’altra. Ma questo avviene senza che ci sia un metodo razionale. Ci sono alcuni casi esemplari come quello dei vaccini: si è accreditata per vera una situazione che la scienza ha dimostrato non essere vera”. È il pensiero di Giovanni Paolo Accinni, avvocato penalista e autore di “Civiltà giuridica della comunicazione” (Giuffré Editore). Un problema, quello dell’agire con razionalità, che riguarda anche la classe politica. “È un dato di fatto che molte leggi rispondano a delle esigenze di emotività – spiega l’avvocato intervenuto oggi al convegno “Media, scienza e giustizia: la verità nella comunicazione oggi” organizzato allo Iulm di Milano – La norma sulla legittima difesa ne è un esempio: con l’ora legale posso sparare un’ora prima. Le sembra un tema sensato sul piano giuridico e della razionalità?”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Prescrizione, M5S contro il Pd in commissione giustizia: “Delinquenti e colletti bianchi resteranno impuniti”

next
Articolo Successivo

Divorzio, è arrivato il momento di cambiare anche la legge

next