Giudizio severo del fondatore del Front National, Jean-Marie Le Pen, sul concitato confronto televisivo di ieri sera, che ha visto sua figlia Marine, sua figlia, sfidare il candidato centrista Emmanuel Macron nel dibattito alla vigilia del ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi di domenica prossima. “La prima mezz’ora è stata piuttosto noiosa e probabilmente incomprensibile per la maggior parte dei telespettatori” – dichiara Jean-Marie Le Pen ai microfoni di Rtl France – “Forse il dibattito è stato a vantaggio di Emmanuel Macron, non di Marine Le Pen che non è stata all’altezza. Penso che sia stato il suo staff ad averla consigliata di comportarsi così. Speravano in un crollo psicologico da parte di un uomo che non appariva come molto solido”. E aggiunge: “Non avevo consigli da dare a Marine, quindi non ne ho dati. Spero sempre che il mio campione vinca. Ma se fossi l’arbitro, direi che è finita con un pareggio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Vaccini, famiglie tenute all’oscuro del rischio”. M5s? No Pd. Scoppia la polemica, e il ddl scompare

prev
Articolo Successivo

Vaccini, Di Maio ad Harvard: “In Italia sono obbligatori per legge e non abbiamo intenzione di eliminarla”

next