Giudizio severo del fondatore del Front National, Jean-Marie Le Pen, sul concitato confronto televisivo di ieri sera, che ha visto sua figlia Marine, sua figlia, sfidare il candidato centrista Emmanuel Macron nel dibattito alla vigilia del ballottaggio delle elezioni presidenziali francesi di domenica prossima. “La prima mezz’ora è stata piuttosto noiosa e probabilmente incomprensibile per la maggior parte dei telespettatori” – dichiara Jean-Marie Le Pen ai microfoni di Rtl France – “Forse il dibattito è stato a vantaggio di Emmanuel Macron, non di Marine Le Pen che non è stata all’altezza. Penso che sia stato il suo staff ad averla consigliata di comportarsi così. Speravano in un crollo psicologico da parte di un uomo che non appariva come molto solido”. E aggiunge: “Non avevo consigli da dare a Marine, quindi non ne ho dati. Spero sempre che il mio campione vinca. Ma se fossi l’arbitro, direi che è finita con un pareggio

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Vaccini, famiglie tenute all’oscuro del rischio”. M5s? No Pd. Scoppia la polemica, e il ddl scompare

next
Articolo Successivo

Vaccini, Di Maio ad Harvard: “In Italia sono obbligatori per legge e non abbiamo intenzione di eliminarla”

next