“Questa donna fa paura, ama fare paura, ama propagare il sentimento di paura”. Daniel Pennac, ospite della rassegna Futuri maestri all’auditorium Unipol di Bologna, parla di Marine Le Pen, la candidata del Front national al ballottaggio delle presidenziali francesi di domenica 7 maggio . “Forse se la conoscessi potrei trovarla simpatica”, spiega l’autore dei Malaussène. Poi però prende le distanze dalla sua politica: “Tutto quello che dice e che comunica, milita per fare sì che le persone si detestino, che ci si senta assolutamente francesi e che tutto il resto sia straniero, dunque pericoloso“. Lo scrittore parla della candidata francese rispondendo alla domanda di uno dei tanti giovanissimi studenti delle scuole medie e superiori venuto ad ascoltarlo: “Quello che io detesto di più al mondo è proprio la paura. Dunque non posso amare Marine Le Pen. Anche se forse potrei prenderci un caffè“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Israele taglia i finanziamenti all’Onu, Netanyahu: “Nega la nostra sovranità”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Francia, rissa tv tra Macron e Le Pen: “Vergognoso, candidato dell’elite”, “Bugiarda, Le Pen candidati da 40 anni”

next