“Questa donna fa paura, ama fare paura, ama propagare il sentimento di paura”. Daniel Pennac, ospite della rassegna Futuri maestri all’auditorium Unipol di Bologna, parla di Marine Le Pen, la candidata del Front national al ballottaggio delle presidenziali francesi di domenica 7 maggio . “Forse se la conoscessi potrei trovarla simpatica”, spiega l’autore dei Malaussène. Poi però prende le distanze dalla sua politica: “Tutto quello che dice e che comunica, milita per fare sì che le persone si detestino, che ci si senta assolutamente francesi e che tutto il resto sia straniero, dunque pericoloso“. Lo scrittore parla della candidata francese rispondendo alla domanda di uno dei tanti giovanissimi studenti delle scuole medie e superiori venuto ad ascoltarlo: “Quello che io detesto di più al mondo è proprio la paura. Dunque non posso amare Marine Le Pen. Anche se forse potrei prenderci un caffè“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili