Prendi il più grande aereo di linea al mondo, l’Airbus A380, e immagina di “spostarlo”. Non con uno speciale mezzo heavy duty in dotazione agli aeroporti di tutto il mondo ma con uno sport utility, per così dire, d’ordinanza.

Ebbene, i tecnici di Porsche UK non l’hanno solo immaginato ma lo hanno messo in pratica all’aeroporto Charles De Gaulle di Parigi, dove il suddetto “bestione” dell’aria è stato portato fuori dal suo hangar e trainato per ben 42 metri da una Cayenne S diesel, e successivamente anche da una Turbo S. Grazie anche ad uno speciale link realizzato per collegare l’estremità del velivolo con il gancio di traino dell’auto.

L’impresa è ancora più stupefacente, se si confrontano i numeri. L’Airbus A380, uno dei più sofisticati velivoli al mondo, è lungo 72 metri, pesa 285 tonnellate ed è in grado di trasportare fino a 853 passeggeri. La Cayenne S diesel è lunga meno di 5 metri ed è spinta da un V8 4.1 a gasolio da 385 cavalli, con una coppia massima di 850 Newtonmetri. Ma soprattutto pesa a secco “solo” 2.290 chilogrammi

Naturale che un exploit del genere fruttasse un riconoscimento ai massimi livelli. La Cayenne è infatti stata premiata con il titolo Guinness World Records per il velivolo più pesante trainato da una vettura di produzione, consegnato al tecnico Richard Payne che era al volante della vettura: “Non c’è dubbio che le nostre auto possano andare molto oltre le aspettative dei clienti”, il suo commento. A giudicare dal video qui sotto, come dargli torto?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vendite auto, a marzo la regina d’Europa è la Fiesta. Superata la Golf

prev
Articolo Successivo

Motori diesel, il dietro front della Volkswagen. “Non sono il problema, ma parte della soluzione”

next