“Se mi sento oscurato dalla proposta di Renzi su Alitalia? No, benvenuta anche la proposta di Renzi, la valuteremo”. Ai microfoni de Ilfattoquotidiano.it, ha replicato così il ministro dello Sviluppo economico, Carlo Calenda, dopo che l’ex presidente del Consiglio ha annunciato entro il 15 maggio una sua proposta sulla crisi di Alitalia. “Secondo me abbiamo bisogno di ogni contributo di idee. Qui l’unica cosa da fare è un lavoro serio su un’azienda importante che ha tanti lavoratori e un ruolo sociale. Il resto, le questioni personali stanno fuori, non esistono”, ha continuato. “Ora aspettiamo quel che dirà l’azienda martedì, poi faremo tutti i passi necessari per garantire la continuità del servizio per i cittadini e la connettività per l’Italia, rimanendo nel perimetro che ci siamo detti: non nazionalizzare e ridurre al minimo i costi dei contribuenti” ha concluso Calenda.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Alitalia, Di Maio: “Serve piano industriale credibile, che elimini sprechi. Così non ci sarà bisogno di intervento dello Stato”

next
Articolo Successivo

Commercio, chiude un negozio su 10. Gli sgravi fiscali possono bastare?

next