“Il nodo da affrontare ora è quello della legge elettorale: non c’è in alcun modo di augurarsi di votare con quella attuale. Creare un sistema che faccia nascere coalizioni è importante. Poi ci dobbiamo regolare: spiegare agli iscritti che noi prendiamo voti da una parte e Berlusconi da un’altra e il giorno dopo le urne ci si unisce è il modo migliore per far sì che il M5S prenda il 51%”. Così Andrea Orlando, durante la conferenza stampa indetta a Roma presso il suo comitato elettorale per le primarie del 30 aprile.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, Speranza: “Renzi non ci vuole alleati? Traditore è chi imita la destra. Per Mdp mai larghe intese”

next
Articolo Successivo

Primarie del Pd, ecco il vademecum: dai sedicenni agli stranieri. Chi, come e quando si vota

next