Matteo Renzi ha trasformato il Pd in un partito di populismo dall’alto”. Questo il pensiero del sociologo Luca Ricolfi che alla fiera “Tempo di Libri” di Milano ha presentato il suo ultimo saggio “Sinistra e popolo” (Longanesi). “Tutta la polemica antitedesca di Renzi – continua – è di stampo populista, così come la polemica contro le auto blu e gli stipendi d’oro”. Ma Ricolfi accusa di populismo anche gli altri principali partiti dal Movimento 5 Stelle, alla Lega e Forza Italia. Con una piccola eccezione: “Non sono populisti quei partitucoli che nessuno conosce dell’area di centro: Casini, Alfano e le ceneri di Monti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte sullo Stretto, De Vincenti rilancia: “Progetto più avanzato, è ipotesi reale”. Il ministro Delrio l’aveva appena bloccato

next
Articolo Successivo

Pd, Cuperlo sta con Orlando: “E’ l’unico in grado di dare unità al partito”

next