Ho molti amici gay. Una frase che spesso introduce un concetto omofobo. Per questo il giornalista Filippo Maria Battaglia l’ha scelto come titolo del suo ultimo libro (Bollati Boringhieri): “E’ una sorta di premessa di rito di quasi tutti discorsi omofobi che in politica abbiamo sentito negli ultimi anni – racconta all’autore -. E’ una lunga storia che parte dal dopoguerra e che non esclude nessun partito”. Paola Concia, attivista LGBT ed esponente del Partito Democratico ne ha avuto un’esperienza diretta durante la sua carriera politica: “La destra da un punto di vista ideologico – spiega – è più portata a fare questa dichiarazioni ma anche la sinistra ha un tormento su questi argomenti che a volte viene fuori”. Nel libro, Battaglia fa molti esempi concreti sulle frasi omofobe dette dai politici: “Rosy Bindi nel 2006 mentre promuoveva il suo progetto sui Dico spiegò: é meglio che due bambini crescano in Africa piuttosto che siano date in adozione a due donne. Nello stesso periodo Massimo D’Alema, invece, faceva dichiarazioni che assomigliano a quelle che oggi fa Salvini sostenendo che i diritti LGBT sono marginali rispetto a quelli del paese”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ong ‘taxi del Mediterraneo’? Di Maio fa insinuazioni senza dare soluzioni

next
Articolo Successivo

#IostoconGabriele, continuiamo a gridare no al bavaglio turco

next