Ho molti amici gay. Una frase che spesso introduce un concetto omofobo. Per questo il giornalista Filippo Maria Battaglia l’ha scelto come titolo del suo ultimo libro (Bollati Boringhieri): “E’ una sorta di premessa di rito di quasi tutti discorsi omofobi che in politica abbiamo sentito negli ultimi anni – racconta all’autore -. E’ una lunga storia che parte dal dopoguerra e che non esclude nessun partito”. Paola Concia, attivista LGBT ed esponente del Partito Democratico ne ha avuto un’esperienza diretta durante la sua carriera politica: “La destra da un punto di vista ideologico – spiega – è più portata a fare questa dichiarazioni ma anche la sinistra ha un tormento su questi argomenti che a volte viene fuori”. Nel libro, Battaglia fa molti esempi concreti sulle frasi omofobe dette dai politici: “Rosy Bindi nel 2006 mentre promuoveva il suo progetto sui Dico spiegò: é meglio che due bambini crescano in Africa piuttosto che siano date in adozione a due donne. Nello stesso periodo Massimo D’Alema, invece, faceva dichiarazioni che assomigliano a quelle che oggi fa Salvini sostenendo che i diritti LGBT sono marginali rispetto a quelli del paese”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ong ‘taxi del Mediterraneo’? Di Maio fa insinuazioni senza dare soluzioni

next
Articolo Successivo

#IostoconGabriele, continuiamo a gridare no al bavaglio turco

next