Alessio Bertrand è l’unico superstite della disastro navale del 10 aprile 1991 avvenuto a Livorno dopo la collisione tra il traghetto della Navarma Moby Prince e la petroliera Agip Abruzzo a due miglia e mezzo dalla costa: i morti furono 140. Bertrand, dopo essersi buttato dalla poppa della nave, fu recuperato dagli ormeggiatori del porto di Livorno Mauro Valli e Walter Mattei. “A loro – dice oggi, dopo 26 anni, alla commissione d’inchiesta – non ho mai detto che a bordo erano tutti morti”.

Sono loro che dopo aver già comunicato per due volte sul canale radio d’emergenza che Bertrand gli sta dicendo che sul Moby Prince c’è gente, che ci sono ancora persone, alle 23.43 aggiungono: “Il naufrago ci dice che ci sono ancora dei naufraghi da salvare”. Diciotto minuti dopo questa comunicazione la loro versione cambia: “Il naufrago ha detto tutti morti bruciati“. È rimasta la loro versione definitiva.

Valli e Mattei sono stati auditi in Senato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta. In quell’occasione nessuno dei due ricordava queste prime, concitate, comunicazioni in cui il mozzo dice che ci sono naufraghi “da salvare” mentre ricordavano Bertrand affermare che a bordo erano “tutti morti bruciati”. Nel corso dell’audizione in Senato, Mauro Valli ha risposto alla Commissione che il nastro da cui sono state fatte le trascrizioni delle comunicazioni del canale d’emergenza potrebbe essere stato “sbobinato male“. Ma le registrazioni radio appaiono chiare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Moby Prince, la verità dell’unico superstite alla commissione: “Non ho mai detto che a bordo della nave erano tutti morti”

prev
Articolo Successivo

Latte e derivati, da oggi obbligatoria l’etichetta sulla provenienza delle materie prime dei prodotti venduti in Italia

next