La notte del 10 aprile 1991 il traghetto Moby Prince, da poco partito da Livorno e diretto ad Olbia, entra in rotta di collisione con la petroliera della Snam Agip Abruzzo a due miglia e mezzo dalla costa. Delle 141 persone a bordo del traghetto si salva soltanto il mozzo, Alessio Bertrand. Le operazioni di soccorso si concentrano quasi unicamente sulla petroliera in fiamme mentre il Moby per un’ora e venti gira in tondo, a duecento metri dall’Agip, non sentito e non cercato.

Il ritrovamento ufficiale del Moby Prince avviene infine alle 23.45, un’ora e 20 minuti dopo l’impatto.

Eppure ci sono testimonianze e documenti che fanno pensare che qualcuno già sapesse del coinvolgimento del traghetto nel disastro prima di quell’ora. Ilfattoquotidiano.it, in questo lavoro d’inchiesta per certi versi inedito, ha sentito alcuni di quei testimoni. Lo sa Florio Pacini, ex direttore acquisti della Navarma (che ora è diventata Moby Lines), lo sa Raffaele Savarese, ex pilota del porto di Livorno. Lo sanno anche alcuni membri dell’equipaggio dell’Agip Abruzzo che nelle dichiarazioni rilasciate nel 1991 durante l’inchiesta sommaria della Capitaneria di Livorno e durante le audizioni in Senato della commissione d’inchiesta che da quasi due anni sta cercando di far luce sulle cause del disastro, affermano di aver visto una nave, un traghetto in fiamme, prima del ritrovamento ufficiale. Perché, allora, se tutti sapevano quella notte nessuno cercò il Moby Prince, finché il traghetto non fu trovato quasi per caso da due ormeggiatori?

E cosa c’entra la nave Aldo che invece di uscire dal porto e dirigersi verso Genova come previsto resta – dicono le rilevazioni radar – a mezzo miglio dal Moby Prince in fiamme?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pensioni, “io sorda per la radioterapia”. Ma l’Inps le toglie la pensione dopo il controllo: “E’ guarita dal tumore”

prev
Articolo Successivo

Moby Prince, cade un altro falso: “Tutti morti in mezz’ora? Non è vero”. E l’equipaggio tentò di salvare i passeggeri

next