La PETA, un’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali, ha piazzato di nascosto delle telecamere ed ha registrato un video sconvolgente nello zoo di Hannover in Gemania, in cui i guardiani torturano gli elefanti con fruste e uncini. Gli animali vengono condotti in apposite recinzioni inaccessibili ai visitatori. Dove sono costretti con la violenza a eseguire esercizi. In particolare, un povero elefantino viene selvaggiamente picchiato. Il direttore dello zoo Andreas Casdorff ha giustificato il comportamento dei guardiani, che definisce “necessario all’addestramento”,  “utile a stabilire una relazione tra l’uomo e gli animali”. Un’esperto di elefanti, Carol Buckley, ha spiegato che questo abuso sistematico fin dalla tenera età può portare a un danno traumatico, e sottolinea che questo tipo di formazione serve ad un solo scopo: imporre l’apprendimento di trucchi da circo. Dopo la diffusione del filmato, i guardiani sono stati minacciati di morte

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Egitto, stragi nella Domenica delle Palme: bombe nelle chiese al Cairo e Alessandria. L’Isis rivendica entrambi gli attentati – FOTO e VIDEO

prev
Articolo Successivo

Oslo, ordigno ritrovato in pieno centro e fatto brillare dagli artificieri. Fermato un sospetto: 17enne russo richiedente asilo

next