La PETA, un’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali, ha piazzato di nascosto delle telecamere ed ha registrato un video sconvolgente nello zoo di Hannover in Gemania, in cui i guardiani torturano gli elefanti con fruste e uncini. Gli animali vengono condotti in apposite recinzioni inaccessibili ai visitatori. Dove sono costretti con la violenza a eseguire esercizi. In particolare, un povero elefantino viene selvaggiamente picchiato. Il direttore dello zoo Andreas Casdorff ha giustificato il comportamento dei guardiani, che definisce “necessario all’addestramento”,  “utile a stabilire una relazione tra l’uomo e gli animali”. Un’esperto di elefanti, Carol Buckley, ha spiegato che questo abuso sistematico fin dalla tenera età può portare a un danno traumatico, e sottolinea che questo tipo di formazione serve ad un solo scopo: imporre l’apprendimento di trucchi da circo. Dopo la diffusione del filmato, i guardiani sono stati minacciati di morte

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Egitto, stragi nella Domenica delle Palme: bombe nelle chiese al Cairo e Alessandria. L’Isis rivendica entrambi gli attentati – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Oslo, ordigno ritrovato in pieno centro e fatto brillare dagli artificieri. Fermato un sospetto: 17enne russo richiedente asilo

next