Una nuova forma di giustizia chiamata “pop justice“. Un termine che è stato coniato da Luca D’Auria, avvocato e docente di Diritto. “Tutti i processi per crimini di sangue oggi sono dei processi pop nel senso che non sono processi ma vicende pop”, spiega D’Auria, che venerdì 7 aprile presso la sede del Sole 24 ore di Milano ha presentato il suo ultimo libro intitolato ‘L’ontologia del crimine e della giustizia criminale oggi’. “Agatha Christie non scrive più i suoi libri – continua – e le storie nascono da queste vicende reali e poi prendono delle vite loro”. Nell’era del “Pop Justice” bene e male, e quindi crimine e giustizia, “sono diventati delle merci da vendere”. “In questo senso – conclude D’Auria – è perfettamente applicabile la teoria marxiana del feticismo delle merci. Bene e male si confondono in nome della vendita del prodotto. La verità processuale non interessa più e non serve più”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, Ferrovie lo licenziò perché faceva da consulente alle famiglie. La Cassazione: “Giusto allontanarlo”

prev
Articolo Successivo

Casa di Montecarlo, Gianfranco Fini interrogato dai pm di Roma: “Io estraneo”

next