Dopo il lancio di Alternativa popolare, partito “fotocopia” della vecchia Ncd, il ministro degli Esteri Angelino Alfano insiste nel tentativo di organizzare pure le primarie per trovare il “portabandiera” di un’area moderata. Gazebo già “vaneggiati” al momento del lancio di Ap, in modo da aggregare un’area di centro, in attesa che si chiarisca il destino della legge elettorale. “Da quando abbiamo lanciato Ap abbiamo notato l’interesse di movimenti e civiche”, rivendica, a suo dire, il leader di Ap.”Un giorno questo popolo farà le primarie. Insieme a noi e ai centristi di Casini, hanno già aderito Fare! di Flavio Tosi ed Enrico Zanetti di Scelta civica. Lo stessa Sc di Zanetti ora in gruppo con l’Ala di Denis Verdini alla Camera. E il senatore toscano ed ex plenipotenziario di Forza Italia? “Ci risulta non voglia più avere un ruolo da da protagonista…”, ha tagliato corto Alfano. 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, base vota il programma Esteri. Le priorità: stop TTIP, sovranità e lotta all’austerità. E Russia è partner strategico

next
Articolo Successivo

Siria, dubbi M5s sulla strage con gas. Petrocelli: “Non so se sia stato Assad”. Castaldo: “No a giudizi affrettati”

next