Dopo mesi di insistenti richieste alle istituzioni, gli agricoltori di Castelluccio di Norcia sono tornati a seminare la lenticchia nel Pian grande grazie all’apertura della strada provinciale 477, chiusa dal 30 ottobre, quando il sisma l’aveva distrutta. “Ripartiamo da qui – dicono commossi i titolari delle aziende agricole del borgo – per noi oggi è una giornata memorabile, l’inizio della rinascita”. Prossimo obiettivo, permettere ai turisti di arrivare a Castelluccio per lo spettacolo della fioritura, in estate, che prima del terremoto richiamava nella frazione di Norcia migliaia di turisti. 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Teatro dell’Opera di Roma. 47 milioni di debiti, più costi che incassi, un esercito di impiegati: ombre sulla gestione Fuortes

next
Articolo Successivo

Hashish “venduto a un alunno delle medie”: arrestato un bidello a Rimini

next