“Il terreno scelto per ospitare gli ulivi espiantati ha un pozzo inquinato con livelli che non rispettano le norme in materia, come certificato dall’Arpa”, è la denuncia di Gianluca Maggiore del Comitato No Tap che è pessimista sulla sorte degli alberi: “Seccheranno per cause naturali, anche perché non è il periodo giusto per espiantarli”. L’azienda respinge le accuse: “L’acqua del pozzo è inquinata, ma noi non la useremo. Irrigheremo gli ulivi usando delle autobotti – spiega Michele Elia, Country manager Tap Italia -. Stiamo curando gli alberi in maniera maniacale per assicurarne la sopravvivenza”. Per la costruzione del nuovo gasdotto in Puglia, nella località di San Basilio frazione di Melendugno, dovranno essere espiantati in tutto 211 ulivi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Squalo spiaggiato dalla furia del ciclone. Lo stupore dei residenti dopo l’inondazione

prev
Articolo Successivo

Locri e le offese a Don Ciotti, telecamere riprendono l’autore delle scritte. Sindaco: “Balordo, soldi per identificarlo”

next