Trafficavano droga e armi, ma avevano anche pianificato il furto, a scopo di estorsione, della salma di Enzo Ferrari. I carabinieri di Nuoro hanno arrestato 34 persone ed effettuato numerose perquisizioni all’alba in diversi centri della Sardegna, in Emilia Romagna, Lombardia, Veneto e Toscana. Una vasta e articolata operazione antidroga che nasce dalle indagini condotte su un’associazione per delinquere radicata ad Orgosolo (Nu) e con diramazioni nel Nord Italia. Nel corso del blitz sono stati impiegati oltre 300 militari, supportati da unità cinofile, elicotteri e assetti del Reggimento Carabinieri Paracadutisti Tuscania e dello Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna.

Per trafugare la salma di Ferrari, sepolta nel cimitero monumentale di Modena, la banda aveva già effettuato diversi sopralluoghi, e aveva definito le modalità di custodia del corpo e di gestione dei contatti con i familiari. Fra i tanti progetti criminali della banda, anche quelli inerenti l’organizzazione e la realizzazione di rapine a portavalori, istituti di credito ed attività commerciali. In particolare nel 2013 è stato arrestato dai carabinieri del Nucleo investigativo di Nuoro e della Compagnia di Viadana (Mantova) Severino Satta, latitante di 39 anni, residente a Lula (Nuoro), sorpreso all’interno di un appartamento con altri due pregiudicati di ordine sarda. Stava pianificando una rapina a mano armata e il loro obiettivo era l’assalto ad un furgone portavalori o il caveau di un istituto di vigilanza privata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Treviso, Csm valuta il trasferimento del giudice che vuole girare armato “perché lo Stato non c’è più”

next
Articolo Successivo

Interviste a pagamento, confermate le condanne per ex capigruppo in Regione Emilia-Romagna

next