Un altro Comune ligure sciolto per mafia. Il consiglio dei ministri, su proposta del ministro dell’Interno, ha adottato il provvedimento per Lavagna, in provincia di Genova, per condizionamento della criminalità organizzata, accertata da una commissione d’accesso prefettizia inviata in Comune dopo l’inchiesta “I conti di Lavagna” sulla ‘ndrangheta. Negli anni scorsi la stessa sorte era toccata a Ventimiglia e Bordighera, in provincia di Imperia, ma in entrambi i casi il provvedimento era stato successivamente annullato dal Consiglio di Stato.

La commissione di accesso si era insediata nel luglio scorso in un Comune già commissariato dopo le dimissioni di oltre la metà dei consiglieri comunali. L’inchiesta “I conti di Lavagna”, condotta dalla Squadra mobile di Genova, il 20 giugno aveva portato fra l’altro all’arresto ai domiciliari del sindaco Giovanni Sanguineti, eletto in una lista civica vicina al centrodestra, del consigliere comunale con delega al Patrimonio e Demanio, Massimo Talerico, e dell’ex parlamentare Gabriella Mondello (già campionessa di Rischiatutto), eletta col Pdl e poi passata all’Udc. Tra le accuse, a vario titolo, abuso d’ufficio, voto di scambio e traffico di rifiuti. Fra gli altri otto arrestati, diverse persone accusate di essere legate alla ‘ndrina Rodà-Casile di Condofuri, in provincia di Reggio Calabria, con accuse che andavano dal traffico illecito di rifiuti agli stupefacenti, all’usura e al riciclaggio di denaro sporco.

Gli investigatori avevano riscontrato gravi violazioni della normativa ambientale per lo sversamento in discarica di consistenti quantitativi di rifiuti solidi urbani pericolosi, con relativa falsa documentazione. Nuovoi arresti e sequestri di beni erano arrivati nei giorni scorsi, il 15 marzo.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Processo Aemilia, il boss della ‘ndrina di Rho: “Con i kalashnikov e la dinamite abbiamo cacciato gli zingari”

next
Articolo Successivo

Carlo Giovanardi, in un video la promessa di aiuto all’imprenditore poi arrestato nell’inchiesta sulla ‘ndrangheta in Aemilia

next