Dopo lo sciopero di quattro giorni della ormai sua ex redazione per lo scandalo che ha travolto il Sole 24 Ore torna a parlare il direttore (in aspettativa) Roberto Napoletano. Secondo la Procura di Milano il giornalista, indagato per false comunicazioni sociali al mercato, ha gonfiato i dati sulle vendite delle copie digitali e su una parte di quelle cartacee. “Sono tranquillissimo e molto molto amareggiato – afferma alla telecamere del Fattoquotidiano.it -. Sarà facilissimo dimostrare la mia totale correttezza perché non mi sono mai occupato di gestione ma ho fatto sempre il direttore”. Quindi non sapeva niente dei dati gonfiati? “No” risponde a bassa voce.

Ma i giornalisti del “Sole” sono sul piede di guerra: c’è chi parla di direzione più devastante nella storia del giornale economico più importante d’Italia e chi semplicemente sostiene che Napoletano dovrebbe vergognarsi. Alle accuse degli ex colleghi il giornalista risponde così: “Io sono la persona più trasparente e ho dato la vita per quel giornale, amo quel giornale”. Poi s’infila in un palazzo e si rifiuta di rispondere ad altre domande.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Mafia Capitale, rassicuriamo l’avvocato di Carminati: per il Fatto il saluto romano è una notizia

prev
Articolo Successivo

M5s, Pd querela Grillo per un post sul blog. Lui: “Non era firmato, non sono responsabile. I dem rosicano”

next