Almeno 46 persone sono morte sepolte dai rifiuti franati da una enorme discarica alla periferia di Addis Abeba, nella notte tra sabato e domenica. Le autorità della capitale dell’Etiopia riferiscono che in molti risultano ancora dispersi. Il portavoce della città, Dagmawit Moges, ha anche detto che fra le vittime ci sono soprattutto donne e bambini che, quando è avvenuta la frana, si trovavano nelle abitazioni di fortuna costruite sotto la discarica, diventata nel tempo una vera e propria collina.

Sono 37 invece le persone soccorse finora, come ha comunicato il sindaco Diriba Kuma: i sopravvissuti stanno ricevendo cure in ospedale. Non sono ancora chiare le cause della frana, anche se un residente ha detto che da alcuni mesi i rifiuti prodotti dai 4 milioni di residenti di Addis Abeba venivano nuovamente scaricati nel sito di Koshe, la enorme discarica usata per oltre 5 decenni ma dismessa alcuni anni fa. Inoltre, centinaia di persone ogni giorno si arrampicano sulla collina di spazzatura alla ricerca di qualcosa da rivendere per poter guadagnare i soldi necessari alla loro sopravvivenza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Oceano in tempesta, onde di 10 metri costringono il gigante dei mari a rientrare in porto. Le immagini sono spaventose

next
Articolo Successivo

Usa, i Sioux non si arrendono: marcia a Washington contro l’oleodotto voluto da Trump. “La nostra terra è sacra”

next