La candidata sindaca del Movimento 5 stelle a Monza scelta con 20 voti dagli utenti in rete, il Partito democratico parte all’attacco: “Con quale faccia criticano le nostre primarie?”. La notizia è stata pubblicata dal blog di Beppe Grillo l’8 marzo scorso: dopo le consuete elezioni online (le Comunarie) i grillini hanno deciso che Doride Falduto, avvocata di 37 anni, sarà il volto che correrà alle prossime amministrative della città lombarda (122 723 abitanti). Dietro di lei si è classificato Danilo Giovanni Sindoni con 17 voti, in una votazione che ha visto 66 partecipanti in totale.

Alle Comunarie possono votare gli iscritti al Meetup della zona interessata ed è una modalità di scelta del candidato non obbligatoria, ma che viene utilizzata nel caso in cui ci siano più persone disposte a presentarsi alle elezioni. Una volta annunciato il risultato, su Twitter i democratici hanno dato il via alle polemiche, criticando la scarsa partecipazione. “Io ho preso 2104 voti alle primarie. #perdire”, ha scritto la senatrice Magda Zanoni. Stesso concetto espresso dal collega Stefano Vaccari: “La democrazia partecipata della Casaleggio associati è sempre molto interessante”. E poi Francesca Puglisi: “Criticano le nostre primarie, ma con quale faccia? #tuttomoltobello”. Il vicesegretario Pd Lorenzo Guerini aggiunge: “È successo veramente, non è una #fakenews”. Infine il deputato renzianissimo Ernesto Carbone: “Sette candidati”, scrive in una nota, “sessanta votanti e con 20 click fai il candidato sindaco a 5 stelle alle amministrative di Monza. Insomma questo è il concetto di partecipazione democratica ai tempi della Casaleggio associati. Le vie del web sono infinite ma quelle che passano dal sacro blog invece pare proprio di no”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Gomez: “Se inchiesta finisce in nulla di fatto, ci sarà resa dei conti della politica con la magistratura”

prev
Articolo Successivo

Tesseramento Pd Napoli, la commissione nazionale di garanzia annulla quasi mille iscrizioni online al partito (su 1900)

next