Tiziano Renzi si è “autosospeso” dalla segreteria del Pd di Rignano (Firenze). Il padre dell’ex presidente del Consiglio lo ha annunciato, riferisce oggi il Corriere Fiorentino, attraverso il gruppo WhatsApp, che ora ha abbandonato, dei segretari comunali fiorentini del partito con un messaggio che si conclude con “Vi abbraccio tutti. Buon lavoro, W il Pd”. Tiziano Renzi, indagato per traffico di influenze nell’inchiesta Consip, nel messaggio dice anche che “da lunedì mi sono autosospeso”. Lunedì 6 marzo avrebbe dovuto tenersi l’assemblea del partito a Rignano, poi rinviata a data da destinarsi.

Nei giorni scorsi le tensioni su Consip avevano provocato liti all’interno del Pd locale nel paese natale di Renzi. Il sindaco Daniele Lorenzini, in particolare, aveva detto ai giornali: “Bisogna sentire Tiziano perché è stata scatenata la guerra contro di me”. “Improvvisamente da lunedì mattina alle 11 io vengo trattato come il nemico pubblico numero uno”, da parte di “tutti gli iscritti del Pd che partecipano alla chat, scatenati dal capopopolo Tiziano Renzi” aveva aggiunto Lorenzini. L’accusa di traditore arriva “perché ho deciso di ricandidarmi da sindaco alle prossime amministrative sostenuto da una lista civica, senza il simbolo del Pd“, ma su questo “ero d’accordo con Tiziano Renzi”. Il motivo dell’aggressione “mi auguro che non siano le dichiarazioni in procura. Non credo che si possa attaccarmi perché sono andato a fare il mio dovere, dicendo le poche cose che conosco”, prosegue Lorenzini. “Io non so di che cosa si preoccupano. Ho partecipato a una cena dove non ho sentito fare nessun nome. La procura mi ha chiesto di Romeo, ma io ho sentito solamente la frase di Tiziano: ‘Meglio non parlare con certa gente'”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aamps, l’ok definitivo al concordato dal tribunale fallimentare. Nogarin: “Abbiamo vinto, l’azienda è salva”

prev
Articolo Successivo

Consip, Travaglio vs Chirico: “Principio di precauzione? Noi lo applichiamo ogni giorno. La politica mai”

next