Condannato definitivamente 17 anni anni dopo il primo abuso sulla figliastra. Lei, la vittima, non c’è più: si è tolta la vita dopo che è scoppiato il caso. La giustizia, nel frattempo, lentamente, è arrivata: per l’uomo, un cinquantenne peruviano che aveva peraltro ammesso alcuni episodi, i giudici hanno deciso una pena di 3 anni e mezzo di carcere. Le violenze sono durate per almeno tre anni, dal 2000 al 2003, quando la ragazzina aveva tra gli 11 e i 14 anni. La condanna definitiva in Cassazione è arrivata pochi giorni prima che la vicenda cadesse in prescrizione. Un caso che quindi poteva finire come quello diventato noto una ventina di giorni fa, avvenuto sempre a Torino: in quel caso erano serviti nove anni per celebrare l’appello e gli abusi su una bambina erano finiti prescritti.

In questo caso la prima sentenza d’appello risale al luglio del 2014, ormai alcuni anni dopo il suicidio della ragazza, che si era lanciata dalla finestra di un condominio alla periferia sud di Torino. Nel 2015 la Cassazione certificò che alcuni episodi erano ormai prescritti e ordinò un nuovo processo d’appello nel maggio del 2016, per il ricalcolo della pena. Mercoledì i giudici hanno respinto l’ultimo ricorso dell’imputato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Parabita, dal Comune sciolto per mafia soldi ai clan tramite i voucher

next
Articolo Successivo

Corruzione, Cantone (Anac): “Regole per lobby e fondazioni politiche? Insufficienti, servono trasparenza e una legge seria”

next