Nessun mandante dal “cuore oscuro delle istituzioni” per la strage di Bologna. O almeno nessuno è stato identificato. Per questo la Procura di Bologna ha chiesto l’archiviazione per l’inchiesta sui mandanti dell’attentato della stazione del 2 agosto 1980. Il fascicolo, a carico di ignoti, era stato aperto dopo gli esposti-dossier presentati dall’associazione dei familiari delle vittime. La strage – provocata da una bomba – provocò 85 morti e 200 feriti.

L’idea alla base degli esposti dell’associazione guidata da Paolo Bolognesi – ora parlamentare del Pd – era che dell’analisi incrociata di migliaia di pagine di atti giudiziari di processi per fatti di strage e terrorismo dal 1974 ad oggi si può arrivare ad identificare i mandanti dell’attentato del 2 agosto, per cui sono stati condannati in via definitiva come esecutori gli ex Nar Valerio Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini. La rilettura di atti di processi di stragi come piazza Fontana e piazza della Loggia, appunto, consentirebbe – per l’associazione – di risalire dal terrorismo nero al “cuore oscuro delle istituzioni” dietro la strage. Recentemente una parte di questi atti sono stati inviati dai pm di Bologna per competenza territoriale alla Procura di Roma.

La richiesta di archiviazione è firmata dal procuratore capo Giuseppe Amato, dal procuratore aggiunto Massimiliano Serpi e dai sostituti Enrico Cieri, Antonello Gustapane e Antonella Scandellari. Sempre recentemente è stata invece chiusa con avviso di fine indagine una nuova inchiesta su Gilberto Cavallini, anche lui ex Nar, indicato dalle nuove accuse come il “quarto uomo” che avrebbe concorso nella strage con Fioravanti, Mambro e Ciavardini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Consip, Travaglio: “Senza fughe di notizie su cimici e indagini, qualcuno sarebbe già in galera”

next
Articolo Successivo

Rimborsi Lombardia, pm chiede pene per 56 persone: anche Minetti e Renzo Bossi

next