L’Ucraina è in guerra: è ufficiale perfino per il ministero dell’Interno italiano. Ma non per il ministero degli Esteri che sostiene l’integrità territoriale dell’Ucraina mentre dovrebbe essere evidente (anche leggendo gli accordi di Minsk 1 e 2), che essa è irrimediabilmente compromessa. Nel Donbass e in Crimea. Lo si deduce da una importante decisione della Commissione Territoriale presso la prefettura di Torino per il riconoscimento della protezione internazionale (leggi asilo politico) a una cittadina ucraina residente nella Repubblica Popolare di Donetsk.

Per me è una – duplicemente bella —notizia, che voglio condividere con i miei lettori. La notizia mi è giunta, via Facebook, da Maurizio Marrone, presidente della Rappresentanza italiana della Rpd. Il nome della donna non viene rivelato per evidenti ragioni di sicurezza. Si sa che essa è, appunto, cittadina ucraina, di padre russo e madre azerbajgiana. La signora in questione ha già fatto richiesta del passaporto della Repubblica popolare di Donetsk e si è rivolta direttamente alle autorità italiane senza nemmeno consultare l’Ambasciata ucraina in Italia.

Interessante la motivazione della Commissione. Essa ha ritenuto che “il timore espresso (dalla donna, ndr) in caso di rientro risulta fondato, permanendo per la richiedente un rischio effettivo di essere coinvolta in un conflitto non ancora risolto”. In quanto “la situazione a Donetsk è lungi dall’essersi stabilizzata” e vi “si continua a sparare”. Inoltre ogni tentativo di “raggiungere Donetsk da Kiev è risultato impossibile”.

risoluzione ucraina

Questo è il quadro, che è molto diverso dalle veline atlantiste che circolano (quando circolano, perché di regola non si parla della guerra ucraina) sui media italiani. Ovviamente la Commissione non si schiera per nessuna delle parti in conflitto (non era e non è suo compito farlo), ma ritiene implicitamente che lo Stato ucraino non è in condizione di garantire la sicurezza di coloro che afferma essere suoi cittadini, sui quali continua a sparare dal 2014. Infatti l’Ucraina è in guerra con i suoi ex territori, contro i quali afferma di avere ingaggiato una “operazione anti-terroristica”. Questa è la favola cui il governo italiano finge di credere. A nostro rischio e pericolo, poiché l’Ucraina chiede a gran voce di entrare nella Nato e l’Italia non ha ancora detto se intende appoggiare una tale richiesta. A nessuno dovrebbe sfuggire che un tale sviluppo ci coinvolgerebbe in una guerra altrui, suscettibile di allargamenti drammatici.

Brutta storia, che la Commissione torinese, con la sua decisione, squaderna oggettivamente di fronte all’opinione pubblica italiana. Ma c’è anche una bella notizia per me e per gli spettatori di pandoratv.it che io dirigo. La Commissione ha incluso nell’indagine “numerose fonti giornalistiche (tra cui diversi reportage del giornalista italiano Giulietto Chiesa nell’ottobre 2016)”. Il nostro lavoro è dunque servito come fonte per giungere a una decisione saggia e giusta. Della qual cosa siamo felici.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Francia, Alain Juppé: “Non sono candidato alla presidenza”

next
Articolo Successivo

Francia: dopo la strage del Rana Plaza, una legge per responsabilizzare le multinazionali

next