“Dipendenti licenziati in Italia e investimenti all’estero finanziati con i soldi degli investimenti pubblici”. E’ questa la situazione che denunciano i lavoratori della K-Flex, multinazionale di isolanti. Per questo dal 24 gennaio stanno portando avanti un presidio permanente, giorno e notte, davanti allo stabilimento italiano di Roncello (Monza e Brianza), per protestare contro il licenziamento di 187 persone. Nei prossimi mesi, spiegano i lavoratori, il colosso aprirà delle filiali in Polonia e Stati Uniti. “La delocalizzazione – racconta un lavoratore – è dovuta a un maggiore profitto per l’azienda senza rispetto per noi e senza scrupoli. Ci hanno lasciato in mezzo a una strada”. La rabbia dei dipendenti cresce anche a causa delle migliaia di euro di finanziamenti pubblici di cui ha usufruito la multinazionale. “I finanziamenti pubblici devono garantire lavoro sul nostro territorio – afferma Stefano Buffagni, consigliere regionale della Lombardia per il Movimento 5 Stelle oggi in visita al presidio – Se poi l’espansione va anche all’estero bene venga ma si devono mantenere salde le radici sul territorio”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Amazon, parlano le rappresentanze sindacali: “Progressi, ma spremuti e mandati via per pochi euro”

prev
Articolo Successivo

8 marzo 2017: non c’è parità per le donne lavoratrici

next