“Il ministro Lotti ha detto parole chiare. Noi dobbiamo avere piena fiducia. Dobbiamo aspettare che chi è preposto a verificare faccia fino in fondo il suo mestiere. Credo bastino poche parole molto precise e credo che queste parole siano arrivate”. Così il ministro dell’Agricoltura, Maurizio Martina, a margine della visita al ristorante ‘In galera’, nel carcere di Bollate a Milano, ha commentato il coinvolgimento di Lotti nel caso Consip e le richieste di un passo indietro arrivate anche dall’interno del Pd.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cuperlo a sostegno di Orlando: nel teatro di SinistraDem tra transfughi renziani e canzoni di Guccini

prev
Articolo Successivo

Consip, Grillo attacca Renzi: “Doppia condanna per il padre se colpevole? Lo ha rottamato”. Lui: “Sciacallo”

next