“Sono dei pellegrinaggi crudeli. Siamo arrabbiatissimi, mio marito avrebbe voluto morire a casa”. Lo dice Emanuela Di Sanzo, moglie di Gianni, un malato di tumore, nell’albergo vicino alla clinica Dignitas, a Plaffikon, in Svizzera, la stessa dove è morto Dj Fabo. Il marito della donna si lascerà morire dopo l’ultimo colloquio previsto con il medico della struttura. “Siamo stati costretti a venire in Svizzera – aggiunge – perché in Italia la legge è ferma in Parlamento. Mio marito soffre moltissimo, non mangia più, non parla più. Ma è una persona molto razionale, equilibrata, sa quello che vuole. Ha fatto tutto lui, ha preso i contatti e ha preparato i documenti. Si è ricordato di un servizio trasmesso dalla tv qualche anno fa”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dj Fabo, Eluana, Welby e gli altri: le battaglie di chi voleva scegliere e invece è diventato bersaglio della politica

next
Articolo Successivo

Dj Fabo, una legge sull’eutanasia non toglie a nessuno il diritto di vivere

next