Corruzione e abuso d’ufficio: per queste accuse il deputato Marco Di Stefano del Pd è stato mandato a processo dal giudice per l’udienza preliminare di Roma. Le imputazioni si riferiscono a due distinti fatti accaduti tra febbraio e luglio del 2010.

Secondo il pm Maria Cristina Palaia, Di Stefano, che è anche stato assessore regionale al Demanio della Giunta Marrazzo, avrebbe ottenuto la promozione per un esame sostenuto in una università telematica corrompendo un insegnante al quale fece poi avere una consulenza all’Agenzia regionale “Sviluppo Lazio” ricompensata con circa 13mila euro. Quanto all’abuso d’ufficio i fatti risalgono al luglio del 2010 quando Di Stefano aveva le deleghe all’Istruzione e ha come oggetto l’organizzazione dell’evento “Prossimamente – Il villaggio dell’istruzione e della formazione”. Non è l’unico caso giudiziario in cui è coinvolto il politico. Di Stefano è infatti sotto processo, insieme ai due costruttori Antonio e Daniele Pulcini ed altre cinque persone per alcuni episodi avvenuti tra il 2008 e il 2010: presunti illeciti legati alla compravendita di immobili a Roma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corruzione, gip dice no alla revoca dei domiciliari per l’immobiliarista Scarpellini

next
Articolo Successivo

Amianto, inchiesta sull’Aeronautica. La perizia per i pm: “Rischio ignorato per anni, a lavoratori neanche mascherine”

next