Protagonista della disastrosa perfomance è il venezuelano Adrian Solano, che mercoledì ha partecipato alle qualificazioni dei Mondiali di sci nordico, in Finlandia. La sua gara, tra uno scivolone e un altro, è fantozziana, eppure dietro c’è una storia quasi commovente. A metà gennaio si era messo in viaggio verso la Svezia per imparare a sciare, prima della prova finlandese. Ma a Parigi era stato fermato dalla polizia e, scambiato per un immigrato clandestino, era stato rimpatriato. Insomma nessuno aveva creduto alla sua storia di “aspirante sciatore venezuelano”.  Così nei giorni successivi una televisione finlandese ha organizzato una raccolta fondi per permettergli di raggiungere la Finlandia e realizzare così il sogno di partecipare alle qualificazioni. Quella di mercoledì quindi è stata la sua prima gara con gli sci ai piedi. Anche per questo Solano è stato accolto dagli applausi del pubblico.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Arcobaleno? Sì, ma “di fuoco”. Il raro (bellissimo) fenomeno nei cieli di Singapore

next
Articolo Successivo

L’anziano vede la banda e non riesce a resistere: il suo balletto è contagioso

next