Follonica, nel retro di un supermercato due addetti sorprendono due donne intente a frugare in una gabbia dove vengono riposti rifiuti e prodotti fallati. La reazione dei due uomini va ben oltre il lecito: dopo aver rinchiuso le donne all’interno dello spazio in cui si trovavano (una sorta di gabbia metallica) iniziano a deriderle, filmando la reazione disperata di una delle due, che urla, tenendosi la mano, probabilmente dopo aver subito un trauma da schiacciamento. I due, 25 e 35 anni, sono già stati individuati dai carabinieri e ora sono indagati per sequestro di persona. La catena di supermercati ha preso le distanze dal comportamento dei due dipendenti e sta valutando la sospensione. Diversa invece la reazione del leader della Lega Nord, Matteo Salvini, che ha ripubblicato il video sul proprio profilo Facebook, annunciando di voler contattare i due giovani e offrire loro “sostegno, anche legale“.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Post-sisma, il piano per la ricostruzione è un miraggio. Oltre 13mila edifici ancora da verificare

prev
Articolo Successivo

Omicidio Moro, il Ris smentisce la versione Br: “Gli spararono di fronte”

next