Donald Trump ha scelto il generale H.R. McMaster come national security advisor (Consigliere per la sicurezza nazionale), al posto del dimissionario Michael Flynn. Lo ha annunciato lo stesso presidente degli Stati Uniti da Mar-a-Lago, in Florida. “È un uomo di grandissimo talento e di grandissima esperienza“, ha detto Trump di McMaster, mentre ha indicato Keith Kellogg, sostituto di Flynn ad interim, come chief of staff del Consiglio di Sicurezza Nazionale. Flynn era stato costretto a lasciare per aver mentito sui rapporti intrattenuti con la l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Sergey Kislyak mentre Barack Obama era ancora in carica.

Oltre ad aver servito a Kabul, in Afghanistan, il generale McMaster, 55 anni, è noto per i suoi ruoli nella Guerra del Golfo e nelle operazioni Iraqi Freedom ed Enduring Freedom. La sua scelta prosegue sulla linea del presidente Usa, che ha deciso di circondarsi di ufficiali militari di alto grado, fa notare il New York Times. Già Flynn era un generale in pensione, come il Segretario alla Difesa Jim Mattis.

McMaster è visto come una della personalità più autorevoli all’interno dell’esercito, scrive sempre il quotidiano newyorkese. Si era fatto un nome innanzitutto per le pesanti critiche al comportamento tenuto durante la guerra del Vietnam dal Joint Chiefs of Staff (l’organo che riunisce i capi di stato maggiore di ciascun ramo delle forze armate statunitensi). Poi per la disapprovazione del modo in cui il presidente George W. Bush ha condotto la guerra in Iraq. Da comandante si è guadagnato ammirazioni grazie alla dimostrazione di come una differente strategia anti-terrorismo potesse sconfiggere i ribelli in Iraq, fornendo le basi per il cambiamento di approccio adottato poi dal generale David H. Petraeus. Una mossa che, spiega il Nyt, spostò l’inerzia di in una guerra che gli Stati Uniti erano a un passo dal perdere.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Trump, il dossier psicologico di Mosca: “Per lui la Casa Bianca è un business”

prev
Articolo Successivo

Meir Shalev: “Un solo Stato per israeliani e palestinesi sarebbe l’Apartheid. Trump rischia di dare il via alla Terza Intifada”

next