Oggi, a Roma, si riunisce la Direzione nazionale del Partito democratico. Sul tavolo tanti temi fino a quando sostenere il governo Gentiloni, se approvare leggi elettorali omogenee per Camera e Senato, quando votare per amministrative, regionali siciliane, referendum sul lavoro e politiche. In questo quadro Renzi dovrà anche dire se intende lasciare la guida del partito oppure no. Le regole interne al partito prevedono che Renzi resti in carica fino all’8 dicembre 2017 (a quattro anni dalla nomina) ma se presentasse le dimissioni l’Assemblea del Partito Democratico può eleggere un nuovo segretario per la parte restante del mandato o indire un congresso anticipato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, l’assessora ex Microsoft non risponde su reddito nascosto: “Trasparenza? Parliamo di cose più importanti”

prev
Articolo Successivo

M5s Palermo, il deputato indagato per le firme false Nuti attacca il candidato sindaco: “Noi fuori da queste elezioni”

next