Oggi, a Roma, si riunisce la Direzione nazionale del Partito democratico. Sul tavolo tanti temi fino a quando sostenere il governo Gentiloni, se approvare leggi elettorali omogenee per Camera e Senato, quando votare per amministrative, regionali siciliane, referendum sul lavoro e politiche. In questo quadro Renzi dovrà anche dire se intende lasciare la guida del partito oppure no. Le regole interne al partito prevedono che Renzi resti in carica fino all’8 dicembre 2017 (a quattro anni dalla nomina) ma se presentasse le dimissioni l’Assemblea del Partito Democratico può eleggere un nuovo segretario per la parte restante del mandato o indire un congresso anticipato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, l’assessora ex Microsoft non risponde su reddito nascosto: “Trasparenza? Parliamo di cose più importanti”

next
Articolo Successivo

M5s Palermo, il deputato indagato per le firme false Nuti attacca il candidato sindaco: “Noi fuori da queste elezioni”

next