Ci sono anche l’ex boss Francesco Schiavone detto Sandokan, che si trova in carcere al 41 bis, e il figlio Walter tra le 46 persone destinatarie di misure cautelari nell’ambito di un’operazione dei carabinieri della compagnia di Casal di Principe condotta martedì mattina nelle province di Caserta, Napoli, Benevento, Viterbo, Parma, Cosenza e Catanzaro. Tutti gli indagati sono ritenuti membri del clan dei Casalesi e sospettati di associazione di tipo mafioso, concorso esterno in associazione di tipo mafioso, ricettazione, estorsione, illecita concorrenza con minaccia o violenza, intestazione fittizia di beni, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti e spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione illegale di armi.

Il gruppo criminale, riconducibile alla fazione Schiavone – Venosa del clan, si occupava anche di racket attraverso una piattaforma per il gioco online che imponeva agli esercenti. Le misure cautelari sono state emesse dal Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Ndrangheta, sorveglianza speciale per due imprenditori a La Spezia: confiscati beni per 20 milioni

prev
Articolo Successivo

Trapani, Bankitalia commissaria banca già in amministrazione giudiziaria: “È infiltrata da Cosa nostra”

next