Sette stragi in ventisei anni, 273 morti che attendono giustizia. Non c’è alcun colpevole accertato in via definitiva, ancora. E in alcuni casi, come quello del Moby Prince, la verità appare sempre più lontana. La sentenza sull’incidente di Viareggio può mettere un primo punto fermo su quanto avvenuto in Toscana quasi otto anni fa. “Quello che verrà deciso oggi sarà un po’ la cartina al tornasole di come vengono giudicati i grandi disastri nei trasporti. La Procura di Lucca ha fatto una scelta fuori dal coro, arrivando fino ai vertici di Ferrovie con richieste pesanti”, spiega l’avvocato Massimiliano Gabrielli, che con i colleghi Alessandra Guarini e Cesare Bulgheroni si occupa da anni degli incidenti nel mondo delle ferrovie e delle navi.

“Ma le richieste di condanna e le condanne non cambiano il sistema. C’è una protezione anche a livello politico. Lo spiego con due casi: la richiesta di pena per l’ex ad Moretti è stata definita “sproporzionata” dal ministro Graziano Delrio – dice Gabrielli -. Nel processo per il Jolly Nero, il pm Walter Cotugno, con una scelta prevista dalla legge ma innovativa perché mai utilizzata, ha chiesto il commissariamento della Ignazio Messina visto che ancora oggi la compagnia ha alle sue dipendenze Giampaolo Olmetti, responsabile morale della tragedia, e non ha fatto nulla per migliorare le proprie navi. In quel caso, è sceso in campo Stefano Parisi, parlando di scelta inopportuna”.

Cosa serve, quindi? “I danni punitivi, perché l’unico linguaggio che parlano le aziende è quello economico. Se da Viareggio verrà fuori una sentenza severa, resta da implementare la sicurezza del trasporto delle merci pericolose. Bisogna andare oltre i danni tabellari, perché il processo non si chiuda senza aver inciso sul futuro. Affiancando alle pene delle sanzioni esemplari si esce dal singolo caso, trasformando una sentenza in un precedente importante, come avvenuto con il rogo Thyssen-Krupp“. Sempre che a una verità definita e completa si arrivi. Ecco le sei stragi in attesa di verità, come andò e a che punto è l’accertamento delle responsabilità.

Viareggio e le altre stragi. “Condanne non cambiano il sistema. C’è protezione a livello politico, servono i danni punitivi”

AVANTI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aosta, arrestato il procuratore Longarini. “Dava notizie giudiziarie a imprenditore”

next
Articolo Successivo

Aosta, era indagato per ‘ndrangheta l’imprenditore arrestato con il procuratore Longarini

next