“Questa è la prima volta che c’è una condanna, che siano sette, dieci o cinque anni non ha importanza, è stato condannato il sistema – afferma Daniela Rombi, madre di Emanuela Menichetti, morta a causa delle gravissime ustioni riportate – loro hanno l’obbligo da oggi di rimediare alla negligenze che ci sono state e che hanno ammazzato 32 persone”.  Dopo la lettura della sentenza che vede condannati, tra gli altri, gli ex manager di Ferrovie, Rete Ferroviaria e Trenitalia, ha rilasciato alcune dichiarazioni anche Marco Piagentini, presidente dell’associazione dei familiari delle vittime della strage di Viareggio “Il mondo che vorrei” e vittima lui stesso. La notte del 29 giugno 2009 ha perso la moglie e due figli. “E’ stato letto un dispositivo che è molto complesso, non abbiamo capito nemmeno noi cosa è successo in questi cinque minuti di lettura, lo faremo stasera con i nostri avvocati”, ha spiegato Piagentini alla stampa. E aggiunge: “Se ancora si dichiarano innocenti, rinuncino alla prescrizione. Voglio vedere chi lo fa”
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Strage di Viareggio, i familiari: “Condanne dimostrano che il sistema di sicurezza non funziona. Come diciamo da 7 anni”

prev
Articolo Successivo

Stadio della Roma, Comune non decide: rinvio di 30 giorni per l’ok al progetto

next