Deutsche Bank pagherà quasi 630 milioni di dollari nell’ambito di un patteggiamento con le autorità statunitensi e britanniche, che la accusano di non aver impedito il riciclaggio di circa 10 miliardi di dollari trasferiti al di fuori della Russia tra il 2011 e il 2015. Secondo le accuse, i dipendenti dell’istituto hanno aiutato ricchi cittadini russi a spostare il denaro all’estero. Il New York department of financial services ha imposto una sanzione da 425 milioni di dollari, mentre è di 163 milioni di pound, pari a 204 milioni di dollari, quella comminata dalla Financial conduct authority.

Negli Usa le indagini proseguono per accertare se i controlli interni della banca abbiano fallito nell’individuare il meccanismo con cui i fondi venivano “lavati”. Stando al dipartimento Servizi finanziari, i clienti compravano azioni di imprese russe in rubli e la filiale londinese della banca dava poi ordine di rivenderle immediatamente allo stesso prezzo. I proventi venivano registrati da società basate in paradisi fiscali. Secondo le autorità statunitensi, lo schema era evidentemente privo di ragioni economiche e avrebbe dovuto insospettire la banca.

Separatamente, la Financial conduct authority britannica ha multato Deutsche Bank 163 milioni di sterline per non aver garantito adeguati controlli antiriciclaggio fra il 2012 e il 2015, consentendo ai propri clienti di trasferire miliardi dalla Russia a conti bancari offshore.

In una nota l’istituto ha ricordato che “gli importi degli accordi raggiunti sono materialmente già riflessi nelle riserve per contenziosi, che nel terzo trimestre erano pari a 5,9 miliardi di euro”. La banca ha aggiunto che continua a collaborare con altri regolatori e autorità giudiziarie per altre indagini in corso per operazioni sugli stessi titoli.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Generali, Financial Times: “Piano di Intesa Sanpaolo somiglia all’accordo finanziario più tossico della storia”

prev
Articolo Successivo

Acqua, lo studio Blue Book sul sistema idrico italiano: “Reti vecchie, ritardi nella depurazione e mancano gli investimenti”

next