Più di 60 eventi sismici  in poche ore ma un’attività che viene comunque definita nella norma. È quello che sta succedendo sull’Etna, dove  l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia ha registrato fino alle ore 12:45 di oggi circa 60 eventi sismici, con una magnitudo massima di 3.5 ed epicentro alla profondità compresa fra 10 e 15 chilometri tra le località di Ragalna, Monte Parmentelli e Monte San Leo. L

‘Osservatorio Etneo dell’Ingv rileva che “l’attività sismica, tuttora in corso, non risulta accompagnata da anomalie negli altri parametri geofisici monitorati” e che “l’ampiezza del tremore vulcanico si mantiene su valori stazionari medio-bassi, tipici degli ultimi mesi”. Secondo gli esperti “rimane pressoché immutata la moderata attività esplosiva al Nuovo Cratere di Sud-Est”.

A causa delle scosse di terremoto, in ogni caso, sono state evacuate a scopo precauzionale le scuole a Ragalna, Nicolosi e Bronte, nel Catanese. Secondo quanto si apprende, al momento non si registrano danni a persone o cose.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terremoto, Mattarella ai Comuni: “Compito non ignorato, tutto per aiutarvi”. Un sindaco via per protesta: “Mai dialogo”

next
Articolo Successivo

Terremoto, proposta degli imprenditori del digitale al Governo: “Superiamo le difficoltà con internet ed e-commerce”

next