Una nuova condanna piomba sul capo di Massimo Ciancimino. Questa volta il figlio di don Vito è stato condannato a tre anni e sei mesi per calunnia nei confronti di Rosario Piraino, funziorio dell’Aisi. Imputato davanti al tribunale di Bologna Ciancimino Junior è stato ritenuto colpevole di aver falsamente accusato di minacce Piraino nel 2009, quando risiedeva nel capoluogo emiliano.

Per Ciancimino il giudice Aldo Resta ha emesso una condanna persino più severa rispetto ai tre anni chiesti dal pm Enrico Cieri. Il figlio dell’ex sindaco mafioso di Palermo è stato anche condannato ad un risarcimento di 20 mila euro alla presidenza del Consiglio, costituita parte civile e rappresentata dall’avvocato Mario Zito.

I fattiioggetto del processo sono legati alla denuncia depositata da Ciancimino nel 2009: aveva accusato di minacce un uomo, poi individuato in Piraino. Furono avviate indagini e l’accusa fu smentita dai filmati delle telecamere installate a insaputa dell’imputato fuori dalla sua casa. L’ex agente aveva anche fornito alcune prove per confermare che il 3 luglio 2009, giorno in cui secondo Ciancimino avvennero le minacce, non era a Bologna, ma in servizio a Palermo. L’inchiesta fu dunque mandata verso l’ archiviazione dal procuratore aggiunto Valter Giovannini e poi archiviata definitivamente. Una volta cadute le accuse, è partito il procedimento per calunnia contro Ciancimino. In sede civile Piraino, che in questo processo aveva la veste di persona offesa, ha già ottenuto un risarcimento di 50 mila euro dal tribunale di Palermo.

Durante l’emissione della condanna penale in primo grado, invece, l’imputato non era presente in aula. Ciancimino, infatti, è detenuto in carcere: è stato arrestato dopo che la condanna a 3 anni per detenzione di esplosivo è diventata definitiva e la procura di Palermo ha chiesto e ottenuto la sospensione dell’indulto.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, processo per le foto rubate ai vip: chiesta condanna per Lucarelli, Soncini e Neri

next
Articolo Successivo

Aosta, arrestato il procuratore Longarini. “Dava notizie giudiziarie a imprenditore”

next