Una gita in Francia, in montagna. Poi il ritorno a Budapest, in pullman. Il viaggio di 56 ragazzi ungheresi tra i 16 e i 18 anni, però, si è interrotto in Italia, alle 23 di ieri, sull’autostrada A4, all’altezza dello svincolo di Verona est in direzione Venezia. L’autobus su cui viaggiavano ha sbandato, da solo, senza coinvolgere altri mezzi. Ha toccato lateralmente un pilone. Si è schiantato, poi ha preso fuoco. Sedici i ragazzi morti, un ferito in coma, 12 feriti gravi, 13 feriti leggeri, 12 persone illese. Un nuovo video, diffuso dalla polizia, mostra il pullman in fiamme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Hotel Rigopiano, il sindaco di Farindola e il presidente della provincia di Pescara: “Mai ricevuta allerta valanga”

prev
Articolo Successivo

Bose, Enzo Bianchi si dimette da priore. “Da anziani bisogna lasciare. Ai monaci dico: siate umani”

next