Il ministro della Giustizia Andrea Orlando è tornato sulle dichiarazioni del sindaco di Milano, Giuseppe Sala riguardo a Bettino Craxi. Ieri, il primo cittadino milanese si era infatti dichiarato favorevole alla riapertura di una discussione sull’opportunità di dedicare una luogo della città al leader socialista, morto da latitante in Tunisia con due condanne in via definitiva per “Mani pulite“. “Sono d’accordo con Sala – ha affermato il ministro, ospite a Milano a un convegno sulla giustizia – Credo che sia giusto aprire una discussione che consenta di legare la figura di Craxi non soltanto agli errori, che pure ci furono, ma anche agli elementi di innovazione che seppe proporre al nostro paese. E’ stata una figura importante della sinistra, controversa ma fu portatore di innovazioni culturali e propose un’ipotesi per modernizzare il Paese”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

GIUSTIZIALISTI

di Piercamillo Davigo e Sebastiano Ardita 12€ Acquista
Articolo Precedente

Bettino Craxi, il ministro della Giustizia Orlando (Pd): “Figura importante, d’accordo sul riaprire il dibattito”

next
Articolo Successivo

Roma, Raggi presenta progetto sulla memoria: “Dovere di ricordare affinché non ricapiti in futuro”

next